Anche se è un dato di fatto che a Stalingrado non passano

Anche se è un dato di fatto che a Stalingrado non passano” è una strofa di una canzone dei CCCP Fedeli alla linea, intitolata “Manifesto”.  
Parte da queste parole e da questa musica e da questo gruppo - che tanto hanno contato nella mia speranzosa gioventù - questo mini progetto. 
Esso non possiede alcuna velleità documentaria né di denuncia né di accostamento se non estetico all’SSSR o CCCP o URSS che dir si voglia; per dirla tutta... forse neppure questa, in verità. 
Queste quindici fotografie prendono spunto, però, dai colori di nessun immaginario collettivo se non il mio ed intende suggerire forse un’atmosfera sovietica secondo il migliore e stagionato dei cliché. Architettura popolare, decadente - chissà - in odore di densità lungo un'ipotenusa di fallimento e rischio ideologico... ma senza allontanarsi troppo dal giardino di casa.


Fotografare è farsi domande ed io non vorrei mai fornire risposte, al limite potrei con uno sguardo, al massimo mediante un segno. 

Lunga vita al Presidente”, che di nomenklatura ne abbiamo già subita anche troppa.
















Comments

Popular posts from this blog

Transform a CSV file into a JSON file with Python