L'architettura della Bellezza

Sunday, April 11, 2010


Tra marzo e aprile ho avuto la fortuna di visitare due città notevoli: Valencia da questa parte del mondo e Brasilia, dall'altra parte dello stesso mondo.
Due città diverse in due contesti diversi.
Due città meravigliose, due città che sono un piacere per gli occhi e il cuore, sono un omaggio all'intelligenza, un perpetuo regalo per chi vi abita e per chi le visita. E mi fermo qui.
Tornando a casa, non posso se non vedere rinato un certo disgusto e una frizzante rabbia per certe cose che vedo nella mia città, nelle nostre città.

Voi architetti, ingegneri, progettisti, sedicenti costruttori, voi, che avete generato mostri, siete riusciti a realizzare offese per il senso comune per la Bellezza e violenza e stupro per il senso particolare in ognuno di noi per la Bellezza stessa. Avete la colpa di aver abbruttito le nostre città con montagne di cemento di infima qualità: nella forma e nella sostanza, avete venduto il verde in cambio di grigio al mq. Siete riusciti ad insultare illustri presenze nella storia delle vostre professioni.

E voi, politici, amministratori, assessori, opportunisti, senza né arte né parte, se non quella sbagliata, sempre, avete permesso tutto questo, affossando un glorioso passato d'esempio per l'umanità, cancellandolo. Avete la colpa di averli voluti o approvati quei progetti di glorificazione dello schifo, che hanno reso ridicole le nostre città consegnandole nelle mani di chi guidato non è se non dalla brama di denaro, onnipotenza e lucro.
Vostra è la colpa maggiore, perchè non avete saputo né voluto dire di no. Non avete voluto fermare l'osceno, la volgarità, l'orrido. Ma forse, il vero problema è che non ve ne sieti neppure resi conto.
Potevamo, negli ultimi cinquant'anni, costruire gioielli nell'architettura e nella funzionalità.
Potevamo.
Ora è tardi.
E vedendo in giro per il mondo certo uso discreto ma deciso dell'intelligenza umana, non si può far altro che essere assaliti dalla rabbia e dal disgusto.

P.S. Naturalmente (e per fortuna) esistono ancora persone e professionisti intelligenti, eleganti, animati dai buoni propositi e spesso geniali. Peccato non abbiano sempre lo spazio che meritano. Sarebbe un bene. Per tutti noi.

You Might Also Like

1 commenti

Subscribe